Crescono di giorno in giorno le donazioni destinate all’ASST di Mantova per affrontare l’emergenza Coronavirus: l’azienda ha ricevuto fino a oggi un totale di 738.884,92 euro in somme di denaro e circa 330mila euro in beni mobili. Una maratona di solidarietà che commuove, testimonianza dell’abbraccio della comunità mantovana ai professionisti che lavorano con grande sacrificio per assistere i pazienti. Associazioni, fondazioni, aziende, ma anche singoli cittadini: una generosità che non si ferma e dà speranza.

Fra i contributi in denaro più significativi, quello di Fondazione Marcegaglia onlus con fondi per 200mila euro, impiegati per l’acquisto di 10 letti di rianimazione e due apparecchi radiologici. Altri 100mila euro sono arrivati da Piaggio & C Spa, stessa somma da Claipa Spa. Ulteriori 110mila euro da Roberto F. di CurtatoneAnche i volontari sono scesi in campo rinnovando il loro prezioso aiuto: Doppio Filo onlus con 50mila euro, Iom con 37mila euro.

I beni mobili in arrivo: una centrale di monitoraggio per l’ospedale di Pieve di Coriano da Pavani srl; un sistema di trasferimento pazienti da Fondazione Comunità Mantovana; poltrone elettriche per prelievi da Iom; un videolaringoscopio da Rotary Club Mantova Castelli; due ecografi per il Pronto Soccorso di Mantova e Borgo Mantovano da Fondazione Bam.

Alla raccolta fondi promossa da Fondazione Comunità Mantovana hanno aderito anche i rappresentanti dei giovani di vari partiti – Gioventù Nazionale Mantova, Lega Giovani, Forza Italia Giovani Mantova, Giovani Democratici, Mantova Italia Viva Giovani, Movimento 5 stelle Giovani Mantova – sigle sindacali – Coldiretti Giovani Impresa, Giovani di Confagricoltura Anga – Mantova, Associazione Giovani Imprenditori Agricoli – e club di service – Rotaract Club Mantova, Leo Mantova Host e Leo Club Mantova Ducale.

Si segnalano poi iniziative per offrire generi di conforto e accoglienza al personale sanitario provato dal lavoro in corsia: brioche dalla pasticceria Antoniazzi; 100 pizze di 80 Voglia, pizzeria di San Giorgio; una macchinetta Nespresso con 1.000 cialde per la Terapia Intensiva Covid (ex Tin) di Vero Caffè; gelato dalla gelateria Fiore di Suzzara, stanze per l’alloggio del personale messe a disposizione dall’hotel ABC, hotel Antica Dimora, Ostello La Goliarda e Residenze di Mantova. La ditta di semirimorchi Real Trailer di Suzzara si è messa a disposizione con un furgone Iveco Daily e un autista per il trasporto di presidi di sicurezza destinati ad ASST.