E’ stato nel corso del primo evento dell’anno, la visita alla chiesa di Sant’Orsola, il calendario delle iniziative della Delegazione FAI e del Gruppo FAI Giovani di Mantova per il 2020, che sarà un anno particolarmente ricco con ben 22 eventi in programma.

Innanzitutto, prosegue l’esperienza positiva di “Un tè al Te”, il ciclo di incontri ospitati allo Spazio Te e curato da Enrico Sartorelli, Delegato Cultura del FAI di Mantova, in collaborazione con la Fondazione Palazzo Te. Questi i prossimi talk: “L’oreficeria e l’arte orafa a Mantova” (17 febbraio), “L’arte tessile ed in particolare i cappelli artigianali e la moda” (16 marzo), “Pesi, bilance e misure nella Mantova medievale e rinascimentale” (20 aprile), “I mestieri del fiume; laboratorio all’aperto di impagliatura” (25 maggio).

Tre gli eventi preveisti a febbraio: il 2 visita speciale guidata al Museo Diocesano di Mantova; il 21 alle 18.00 alla libreria Libraccio presentazione del libro Il paese più bello del mondo. Il FAI e la sfida per un’Italia migliore” in compagnia dell’autore Alberto Saibene; il 29 alle 18.30 visita e concerto d’organo alla Chiesa dell’Annunciazione della Beata Vergine Maria a Casatico di Marcaria.

Il 7 marzo visita alla Chiesa di Ognissanti in compagnia dell’architetto Nicola Sodano che ne ha curato il restauro. Il 21 e 22 marzo l’immancabile appuntamento con le Giornate FAI di Primavera, appuntamento cult del FAI atteso in tutta Italia che consente di visitare in via esclusiva molti siti e beni normalmente non accessibili; le aperture a Mantova e provincia verranno rivelate prossimamente.

Il 4 aprile si prosegue con la visita con ciclotour a Corte Spinosa e Villa La Favorita di Porto Mantovano, in collaborazione con Gli Scarponauti, all’interno di CamminaMantova. Appuntamento il 7 aprile con l’apertura eccezionale con visita guidata a Corte Settefrati a Rivalta sul Mincio. Il 16 maggio si va a Villa Arrigona a San Giacomo delle Segnate: visita guidata a cura della dott.ssa Maria Giuseppina Sordi; l’evento è a cura del FAI Giovani, così come l’iniziativa del 28 giugno dal titolo Urbex me genuit. EsplorAzione urbana”: un incontro alla scoperta dei luoghi abbandonati del nostro territorio. Un altro appuntamento imperdibile il 5 luglio con la navigazione sul fiume “Tra le valli del Mincio e i fior di loto”; l’evento è realizzato in collaborazione con Navigazione Mincio. La sera del 27 luglio il FAI Giovani organizza “OsservAzione: a naso in su con il FAI” presso Osservatorio Astronomico a Gorgo di San Benedetto Po.

Si prosegue, poi, il 12 settembre con “Sant’Andrea segreta”, una visita nelle parti della basilica normalmente inaccessibili al pubblico, a cura di don Stefano Savoia. Il 27 settembre “Piccole capitali dei Gonzaga”, ciclotour in collaborazione con Gli Scarponauti, CamminaMantova e Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale. Il 10 e 11 ottobre il consueto appuntamento con le Giornate FAI d’Autunno. Quindi, il 14 novembre “Mantova com’era e com’è”, racconti e materiali fotografici a confronto per ricostruire come sono cambiati i luoghi che viviamo; a cura di Paola Somenzi e in collaborazione con l’Archivio Comunale. Il 28 novembre un nuovo evento del Gruppo Giovani: “DegustAzione. La Mantova da bere”,  un mini-tour con degustazione tra alcuni bar storici della città. Infine, il 12 dicembre, sempre a cura del FAI Giovani “EducAzione. Visita al Museo Montessori di Gonzaga”.

Proseguono, poi, le convenzioni che consentono agli iscritti al FAI di ottenere particolari agevolazioni. Dal 2020 a Mantova sono attive le nuove convenzioni con la Fondazione Umberto Artioli, il Museo Diocesano, Ars Creazione e Spettacolo e a breve sarà formalizzata anche quella col Cinema Mignon.