Saranno Giulio Scarpati e Valeria Solarino i protagonisti di un grande classico del teatro: “Il misantropo” di Molière, per la regia di Nora Venturini, in scena al Teatro Sociale martedì 26 novembre alle 21.00.

La commedia di Molière riesce ad essere di grande attualità anche dopo più di trecento anni, grazie all’approfondimento psicologico dei personaggi, che ieri come oggi si scontrano con l’ipocrisia della società e reagiscono a loro modo alle convenzioni da essa imposte.

Alceste, Giulio Scarpati, è un uomo cerebrale e indignato, che non ammette compromessi e debolezze, per il quale l’etica si impone come unico fine e la morale conta più della stessa vita. Ma questo paladino del vivere corretto ha la sventura di innamorarsi, ricambiato, di una donna, Celimene, interpretata da Valeria Solarino, che è il suo opposto in tutto. Si forma così una coppia sentimentalmente paradossale e impossibile: i due non si capiscono ma si amano, si sfuggono ma si cercano, si detestano ma si desiderano. Potrebbero senza dubbio essere un uomo e una donna del ventunesimo secolo, con torti e ragioni equamente distribuiti, orgogliosi nel non
cedere alle richieste dell’altro, non disposti a rinunciare alle proprie scelte di vita, in perenne conflitto irrisolto. Un conflitto che forse nemmeno l’amore con le sue lusinghe riuscirà del tutto a sanare.

www.teatrosocialemantova.it

 

 

Foto di Noemi Ardesi