Dopo i primi giorni di saldi è già possibile tracciare un bilancio, seppur provvisorio, sull’andamento delle vendite di fine stagione. “I primi giorni sono quelli cruciali e maggiormente indicativi – spiega Stefano Gola, presidente della sezione cittadina di Confcommerciopossiamo dire che il trend è positivo e le vendite sono in linea con quelle dello scorso anno”.

Secondo un’indagine sugli acquisti degli italiani in occasione della stagione dei saldi invernali 2019 realizzata da Confcommercio con Format Research, rimane stabile la percentuale di chi farà acquisti durante il periodo dei saldi (61,8%, due su tre) e sono soprattutto le donne, tra i 35 e i 44 anni, a rappresentare l’identikit del consumatore-tipo che approfitterà degli sconti per rinnovare il proprio guardaroba.

Tra i prodotti più richiesti, capi di abbigliamento (95,9%), calzature (82%), accessori (37%) e biancheria intima (30%); i negozi di fiducia o abituali si confermano il canale di acquisto preferito (56,1%), ma continua a crescere il web a cui ricorre il 21,3% dei consumatori (+2,4% rispetto al 2019), percentuale che sale al 44% per gli acquisti dei prodotti di moda; un successo, quello del web; in ogni caso, che si tratti di acquisti nei negozi fisici o su Internet, sono sempre più numerosi i consumatori che giudicano positivamente qualità e varietà dei prodotti e che si sentono tutelati quando acquistano in saldo; dal lato dell’offerta, solo 1 impresa su 4 si aspetta un maggiore afflusso di clientela nel proprio punto vendita durante i saldi e risultano in leggero aumento le offerte di sconti tra il 30 e il 40% ed oltre il 50%.

Sempre a livello nazionale i saldi interesseranno 15,6 milioni di famiglie (su un totale di 26 milioni di famiglie italiane quindi oltre il 50%), muoveranno in totale 5,1 miliardi di euro con una spesa media a famiglia di 324 euro, circa 140 euro a persona.

Le vendite di fine stagione rappresentano un momento molto importante per gli operatori del fashion retail, le maggiori entrate permettono infatti di affrontare con maggior serenità le prossime scadenzeaggiunge GolaComprare nei negozi di prossimità, quelli che animano i nostri centri urbani, è certamente più sostenibile dal punto di vista ambientale e decisamente molto più stimolante dal punto di vista relazionale ed esperienziale”.